Spring.

Sento la tua notte
e le mie origini
nel ritmo caldo
dei tuoi passi
che ora si perdono
negli equivoci
della tua senilità.
E le stelle, pesanti,
dell’estate.

(12 aprile 1996)

Torna su