Sblog » riposare

riposare

respirare ascoltare senza correre a cercare la metafora la gabbia per rinchiuderci dentro la sensazione la vita il dolore forme che imprigionano paralizzano le lettere sono catene mi sento prigioniera le odio perché sono suoni tracce sono finte sono false mi prendono in giro mi ridono in faccia mi spernacchiano tutta la mia serietà ho paura vorrei poter tenere tra le mani tutto e dartelo a te chiunque tu sia no non chiunque tra le mani davanti agli occhi tutta io e tu e il resto e invece ho bisogno di parole perché non posso farmi a pezzi non posso lacerare e strappar via e tenere tra le mani e darti e allora come una pazza scrivo e coloro e strappo e taglio e cucio lettere sul foglio e non ti ho dato niente e c’è un abisso tra noi tu sei lì e io sono qui e siamo estranei e mi sento sola e sono stanca e voglio piangere adesso grido non posso mi sentirebbero e vorrei sussurrarti il mio grido qui tra le mie dita davanti agli occhi tutti i miei tesori non voglio parlare un tempo tacevo adesso non posso più mi sento un’idiota non è vero sono soltanto triste se succede un incontro so anche sorridere quando sono sola e non mi vede nessuno perché mi vergogno

(1991)

error: Content is protected !!
Torna su